Stili di vita ecologici per la riduzione di CO2

 

24.075.813 kg di CO2 non emessi in totale con un risparmio di 8.785.732 

 

Nike Air Max 97 High

GAS gruppo acquisto solidale – Circolo Legambiente “Ken Saro Wiwa” #Potenza #Basilicata

L’esperienza del Gruppo di Acquisto Ecologico (G.A.E) attivata dal Circolo “Ken Saro Wiwa” di Potenza circa 3 anni fa, è quella di un gruppo di persone che hanno deciso diincontrarsi per acquistare prodotti alimentari, solitamente di produzione biologica o eco-compatibili, rispettosi dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori. L’idea nasce dall’esigenza, divenuta sempre più preponderante, di promuovere sistemi di filiera corta, al fine di ridurre  il numero di intermediari commerciali che inevitabilmente finiscono col dettare i prezzi sul mercato; il più delle volte molto bassi per i produttori e molto alti per i consumatori. L’obiettivo del G.A.E. è quello di promuovere un nuovo modo di consumare più attento e responsabile. Il principio fondante è di condizionare “positivamente” il consumo,  proponendo come criterio guida nella scelta dei prodotti il concetto di sostenibilità in tutte le sue sfaccettature. Il G.A.E  è riuscito a strutturarsi come una realtà stabile della Legambiente a Potenza proponendo ai soci -consumatori, a cadenza settimanale, una “lista della spesa” composta in base alla stagionalitàe alla disponibilità dei prodotti, garantendo così anche  una maggiore trasparenza e sicurezza alimentare. A oggi sono circa 40 gli utenti che hanno scelto di servirsi con regolarità di questa forma di commercio alternativa alla grande distribuzione.

FAQ

Cos’è un gruppo di acquisto solidale (G.A.S.)?
norma di legge i Gruppi di acquisto solidali sono definiti come “soggetti associativi senza scopo di lucro costituiti al fine di svolgere attività di acquisto collettivo di beni e distribuzione dei medesimi, senza applicazione di alcun rincaro, esclusivamente agli aderenti, con finalità etiche, di solidarietà sociale e di sostenibilità ambientale in diretta attuazione degli scopi istituzionali e con esclusione di attività di somministrazione e vendita”. In sostanza, quando un gruppo di persone decide di incontrarsi per riflettere sui propri consumi e per acquistare prodotti di uso comune, utilizzando come criterio guida i concetti di giustizia, solidarietà e sostenibilità, dà vita ad un G.A.S..

 

Chi siamo?
Il Circolo Legambiente “Ken Saro Wiwa” di Potenza è un’associazione ambientalista che opera per la tutela e la valorizzazione della natura e dell’ambiente, delle risorse naturali, della salute collettiva, delle specie vegetali, del patrimonio storico, artistico e culturale del territorio e del paesaggio; per favorire stili di vita, di produzione di consumo improntati all’eco-sviluppo, alla tutela dei consumatori, e a un rapporto equilibrato tra essere umano e natura. In linea con gli obiettivi statutari il Circolo gestisce da circa 3 anni un Gruppo di Acquisto Ecologico (G.A.E.) di prodotti agro alimentari, appartenente alla grande famiglia dei G.A.S.

 

Perché un gruppo di acquisto di prodotti agro alimentari ?
Se da una parte abbiamo i consumatori critici che cercano prodotti etici e sostenibili e dall’altra si trovano piccoli produttori che stentano a trovare uno sbocco sul mercato nonostante la bontà dei loro prodotti, un gruppo di acquisto di prodotti agro alimentari cercherà di favorire l’incontro tra questi soggetti.

 

Quali sono gli obiettivi del G.A.E.?
Obiettivo principale di un gruppo di acquisto solidale di prodotti agro alimentari è di favorire l’implementazione sul territorio di sistemi di filiera corta e di dare risposta a molteplici esigenze reali quali: sostegno all’economia locale; sostenibilità ambientale dei prodotti acquistati; sicurezza alimentare; contenimento dei prezzi; promozione del commercio equo e solidale.

 

Come è nato il G.A.E.?
L’esperienza del G.A.E è nata dalla chiara volontà del Circolo di sensibilizzare la cittadinanza di Potenza sui temi del consumo critico e dei corretti stili di vita. Ha trovato dei validi collaboratori nella Coldiretti di Basilicata, utile per prendere contatto con i produttori agricoli e la Cooperativa sociale Unaterra, gestore di una delle Bottega del Mondo del Consorzio Altro Mercato, per quanto riguarda la fornitura di prodotti del commercio equo e solidale. Il G.A.E ha preso vita non appena sono stati individuati i produttori locali, interessati a fornire i propri prodotti, secondo i criteri della stagionalità e provenienti da agricoltura biologica o integrata. È stato utile effettuare anche delle visite nelle aziende interessate.

 

Come funziona il Gruppo di Acquisto Ecologico ?
Premesso che ogni Gruppo di acquisto solidale può avere le proprie regole di gestione, il gruppo di acquisto ecologico funziona nel seguente modo: ogni settimana i soci aderenti ricevono via mail un file excel denominato “lista della spesa” (da compilare e rinviare), in cui sono indicati iprodotti di stagione disponibili, i relativi prezzi, una breve descrizione delle aziende produttrici, il giorno di chiusura degli ordini e quello di ritiro della spesa. Non esiste nessun obbligo di acquisto né un quantitativo minino, il pagamento avviene al momento della consegna della merce. L’associazione mette a disposizione le proprie strutture fisiche ed organizzative al fine di facilitare il contatto tra i soci consumatori e i produttori, la gestione degli ordini e il ritiro degli stessi.

 

Quali sono le principali problematiche ?
Non trattandosi di un’attività di compravendita svolta in maniera continuativa, i principali problemi di gestione del gruppo di acquisto si riscontrano nella “logistica”:

a) il gruppo di acquisto non opera quotidianamente, fatto questo che potrebbe scoraggiare potenziali partecipanti;

b) se gli aderenti sono numerosi occorre disporre di risorse volontarie e strutture adeguatealla gestione degli ordini.

c) può risultare difficile accorciare i tempi intercorrenti tra la consegna dei prodotti da parte dei fornitori e la loro distribuzione tra i soci, con conseguenze negative sulla freschezza e la conservazione degli stessi.

Come divulgare un gruppo di acquisto ?
Una delle iniziative utili a divulgare questa buona pratica è di organizzare pranzi o cene con la partecipazione dei produttori, dei soci e di altre associazioni interessate a temi affini. Sedersi allo stesso tavolo con i produttori significa infatti tradurre in azioni concrete il principio della trasparenza che informa un gruppo di acquisto.

 

Esistono riferimenti normativi ?
I riferimenti normativi relativi ai Gruppi di acquisto solidali sono contenuti nella legge finanziaria 2008 ai commi 266-267-268. Oltre a dare una definizione formale di G.A.S., si specifica che Le attività svolte da questi soggetti nei confronti dei propri aderenti non si considerano commerciali né agli effetti dell’iva né agli effetti dell’imposizione diretta.

 

Esistono Gruppi di acquisto informali?
Oltre ai gruppi di acquisto formali, che si costituiscono in associazione/ente associativo, o operano all’interno di esse, esistono i gruppi di acquisto informali. In tal caso i gruppi, che non hanno mai redatto uno statuto o un atto costitutivo, operano senza codice fiscale “di un ente terzo” e senza P. Iva e vengono gestiti con il criterio della intestazione dei singoli acquisti ai codici fiscali delle diverse persone fisiche al solo fine di consumo personale. Il gruppo informale rimane certamente a livello etico un G.A.S., per tutto quello che rappresenta, per le persone che gli danno vita, per la carta dei valori in cui chi ne fa parte si riconosce, ma soffre di una serie di limiti legati alla “invisibilità esterna”: non può avere “riconoscimento” fiscale, non può stipulare contratti, non può interloquire o essere riconosciuto dalla maggior parte degli enti locali.

Nike