Stili di vita ecologici per la riduzione di CO2

 

24.075.813 kg di CO2 non emessi in totale con un risparmio di 8.785.732 

 

Nike Air Max 97 High

Il vino Biodinamico: degustare rimanendo in equilibrio con la natura

Avrete sicuramente assaporato il vino biologico, cioè proveniente da agricoltura basata sui principi di salvaguardia e valorizzazione delle risorse e sul rispetto dell’ambiente e della salute del consumatore. Ma avete mai sentito parlare del vino Biodinamico?

E' un vino ottenuto da uve da agricoltura biodinamica, cioè basata sull'idea della natura in equilibrio.
Secondo tale logica, bisogna mantenere equilibrato in modo naturale il terreno con tutti i suoi organismi per ottenere – nel caso del vino – viti sane e quindi uva di alta qualità. Nella biodinamica è fondamentale la cura delle risorse naturali e favorire secondo direttive esatte, i processi vitali come risultato dell’agire insieme di forze terrene e cosmiche.
Nella pratica questo vuol dire che nell’agricoltura biodinamica non vengono utilizzati – come neanche in quella biologica – prodotti di sintesi chimica (concimi, fitofarmaci, diserbanti) e organismi geneticamente modificati. Si somministrano in dosi omeopatiche dei preparati naturali ottenuti da processi fermentativi, decotti e minerali, come polvere di quarzo, sempre tenendo conto delle fasi della luna e del sole; si lavora il terreno secondo metodi tradizionali come arare (con il cavallo, non con il trattore!) e letamare – tutto con l’obiettivo di rigenerare e rivitalizzare il suolo.
Con i metodi biodinamici si raggiungono espressioni nella frutta che sono estremamente legate al terreno di provenienza, al clima dell’annata e alle potenzialità varietali della pianta. Le fermentazioni dei vini sono tutte ottenute senza aggiunta di lieviti esterni: vengono rigorosamente utilizzati solo i lieviti presenti sulle uve provenienti dalle vigne.
Infine una delle cose più importanti, è il grande risparmio in termini di emissioni di CO2 da parte di questo tipo di agricoltura. Una ricerca pubblicata per l'Associazione americana degli Economisti del Vino da Colman e Päster (“Rosso, bianco e verde: il costo del carbonio nel Global Wine Trade”, 2007) ha preso in esame il costo delle emissioni di CO2, suggerendo come i produttori e consumatori di vino possono ridurre il costo ecologico del vino aumentandone la sostenibilità, evitando ad esempio di abbattere foreste o di riconvertire terreni agricoli altamente produttivi a vigneto, o riducendo al minimo l'uso di prodotti agrochimici, o migliorando l'irrigazione per massimizzare l'efficienza dell'acqua, o usando più a lungo le botti di rovere importate, passando a botti di rovere locale. 

adidas
Categoria consiglio: